Profilo bloglovin Profilo Pinterest Profilo Google + Canale Youtube Profilo Instagram Profilo twitter Profilo Facebook

Non chiamatela colata gel! 4 termini impropri sulla ricostruzione unghie

Pubblicato il: 4 luglio 2017 | Commenti 0

Quante volte vi è capitato di andare dalla vostra onicotecnica di fiducia e di aver richiesto la colata gel? Avete notato uno strano sguardo da parte sua? Tutto nella norma! In questo articolo vi sveleremo alcune terminologie errate più diffuse.

colata gel

Allungamento con cartina

Vi è mai capitato di recarvi dalla vostra onicotecnica di fiducia e di richiedere appuntamento per la colata gel? Sicuramente avrete notato i suoi occhi sgranare, perché dalla nascita della ricostruzione unghie ad oggi purtroppo sono sempre più i termini che si sono diffusi pur non essendo per nulla appropriati; scopriamoli insieme in modo da essere più preparate al prossimo appuntamento!

Iniziamo il nostro viaggio alla scoperta delle terminologie corrette del mondo unghie, partendo dall’errore più comune: quando richiediamo la colata gel dovremmo immaginarci una betoniera di cemento che cola il prodotto all’interno degli scavi per creare la struttura di un palazzo, ecco quando andiamo dall’onicotecnica la terminologia corretta è copertura in gel perchè effettivamente con il prodotto in gel ed il pennello si effettua una copertura dell’unghia naturale.

Altra domanda che mi è capitato molto spesso di sentire è questa: “ma è lo smalto cotto?” L’immagine che si presenta avanti ai miei occhi è una boccettina di smalto all’interno di una pentola che cuoce; in alcune regioni d’Italia lo smalto cotto è sinonimo di smalto semipermanente, anche se la tecnica dello smalto cotto esiste da diversi anni ma non è la giusta terminologia per il semipermanente.

Altra parola che fa letteralmente saltare un’onicotecnica da sopra alla sedia è il termine fornetto: ebbene si, molto spesso capita sentir dire che bisogna mettere la mano nel fornetto? Preferite una ricostruzione unghie dolce o salata? Ecco quando sento quest’affermazione immagino che al posto delle unghie vengano create delle pizze o dei cornetti; il termine corretto quindi non è fornetto ma lampada che può essere a raggi uv o a led.

Un’altra terminologia errata è quando si dice che il gel catalizza, infatti il gel non catalizza ma polimerizza: se proviamo a cercare sul dizionario ci risulterà che provoca una catalisi, ma cos’è la catalisi? La catalisi è un fenomeno chimico dove alcune sostanza che contengono i catalizzatori provocano un’aumento nella velocità del processo e possiamo dire che questo non è quello che avviene in fase di copertura o allungamento in gel; la polimerizzazione è quando un materiale da liquido assume un aspetto solido ed è proprio questo quello che accade durante un trattamento di copertura o ricostruzione in gel, quindi la terminologia corretta è “polimerizzazione”.

E voi quando parlate della copertura siete solite utilizzare la giusta terminologia o anche a voi capita di parlare di colata gel?

buzzoole code